Cerca nel blog

sabato 25 ottobre 2014

Recensione: La Stella Nera di New York, di Libba Bray

Recensione
Titolo: La Stella Nera di New York (The Diviners #1)
Autore: Libba Bray
Traduttore: Donatella Rizzati
Editore: Fazi
Pagine: 585
Prezzo: EUR 14,90
"New York City, 1926. I vetri dei grattacieli risplendono dei bagliori di mille feste animate da balli sfrenati a ritmo di charleston e dal tintinnio delle perle sui vestiti luccicanti. L'alcol scorre a fiumi nonostante i divieti e, a giudicare dall'effervescenza di Manhattan, il mondo sembra destinato a un futuro radioso. È qui che in seguito all'ennesima eccentricità viene spedita dai genitori l'irriverente Evie O'Neill, una ragazza dell'Ohio che non aspetta altro che tuffarsi tra le infinite possibilità offerte dalla metropoli. A ospitarla è lo zio Will, un professore, parente dei Fitzgerald, che dirige il Museo Americano del Folklore, delle Superstizioni e dell'Occulto, detto anche Musco del Brivido: un luogo magico dal fascino decadente, che custodisce nelle sue teche e tra i suoi bui corridoi le tracce del retroterra misterioso dell'America. Ma quando lo sfolgorio della città viene oscurato da una serie di delitti a sfondo esoterico, New York precipita in un vortice di paura ed Evie, che da subito assiste lo zio nella consulenza alla polizia, è chiamata a collaborare alle indagini, anche per quel suo dono di vedere il passato delle persone toccando un oggetto a loro appartenuto. Muovendosi tra fumosi jazz club e bassifondi urbani, scintillanti negozi e sale spettrali, la ragazza s'inoltrerà insieme a molti compagni di strada in un gorgo di eventi evocato dal passato, e che nel passato dovrà essere ricacciato, pena il sopravvento di un antico male oscuro."


Quante volte capita, quando meno ce l'aspettiamo, che il folle desiderio di un romanzo che abbiamo in libreria da secoli (o quasi) inizia ad attanagliarci e, finalmente, decidiamo di dargli la chance - quella chance che poi ci porta ad amarlo dalla prima all'ultima pagina?
A me non capita spesso, ma con La Stella Nera di New York è scoccata quella scintilla, quella fiamma che ti divora lentamente... E sono finita a ringraziare qualsiasi essere superiore me lo abbia fatto acquistare in prima battuta.

La Stella Nera, il cui titolo in lingua originale è The Diviners, è il primo romanzo dell'ultima saga di Libba Bray, autrice diventata famosa grazie al romanzo Una Grande e Terribile Bellezza, primo volume della trilogia di Gemma Doyle (disponibile in Italia per Elliot Edizioni). Ambientato nella New York dei ruggenti anni Venti, è forse da questa ambientazione che ricava i suoi punti di forza più grandi: il lettore, immerso in un mondo in cui tutto è possibile nel 1926, appena prima della Grande Depressione del '29, si ritrova a girare tra le vie della Grande Mela sotto diversi punti di vista - Evie O'Neill su tutti - che con caratteri estremamente diversi e allo stesso tempo affini si muovono tra le feste notturne a suon di jazz, i divertimenti di ogni giorno, la perenne vitalità di una città che ha tutto e può solo ottenere sempre di più, i cui abitanti sono certi di vivere una delle epoche più frizzanti ed esuberanti di sempre, in cui l'occultismo e il soprannaturale cadono a pennello a dipingere una storia inquietante e misteriosa, intessuta abilmente da Libba Bray tra il sottofondo di un sassofono e il grido delle sirene della polizia.
Prendete Evie, la protagonista dai trascorsi ribelli in una cittadina dove tutti conoscono tutto l'uno dell'altro, e inseritela in una città come New York. Ne ricaverete delle belle, ve lo assicuro! Un personaggio che inizia con una immaturità di fondo che in 600 pagine ottiene una maturazione sensazionale. Accanto a lei brillano tutti i protagonisti di una caratterizzazione efficace e mostrata alla giusta velocità, tra cui nel mio cuore si sono imposti Theta e Memphis, due personaggi che insieme con molti altri ho il sentore avranno molto altro da raccontare nei prossimi volumi della storia.

In definitiva, sono contenta di aver letto - anche se dopo mesi... forse un annetto dall'acquisto - La Stella Nera di New York. È vero, non l'ho letto immediatamente, ma è stato meglio così. Ho avuto tempo di maturare come lettrice prima di prenderlo in mano e poterlo apprezzare più di quanto avrei fatto se lo avessi letto nel 2012 (l'anno di pubblicazione). Conoscendo la vecchia me, non avrei retto le troppe pagine di lettura e, se anche lo avessi fatto, difficilmente mi sarei appassionata così tanto alla storia. Invece adesso ne sono stata così assorbita da averlo sognato (ed essermi persino svegliata a notte fonda con il terrore di incontrare da qualche parte John il Malvagio!) e averlo consigliato a tutti i miei amici, anche quelli che anni fa non lo apprezzarono, a mio parere, abbastanza.

Un romanzo meraviglioso, in cui l'occultismo la fa da padrone e in cui i personaggi, in quella eccentrica New York di sottofondo, promettono nuove storie nel prossimo volume, in uscita nel 2015, che non vedo l'ora di stringere tra le braccia. Consigliato a chiunque voglia immergersi nel mondo della Bray.
Uno delle letture più belle del 2014.

Se potessi gliene darei di più, ma meglio contenermi... 5 gusci su 5!

Potete acquistare La Stella Nera qui

8 commenti:

  1. Un romanzo davvero bello, che fa della sua suggestiva ambientazione, come giustamente dicevi anche tu, il suo massimo punto di forza. Non vedo l'ora che esca "Liar of Dreams" per proseguire la serie! ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come te, non vedo l'ora di avere il sequel ** l'ho adorato!

      Elimina
  2. Io sono una delle poche che si è annoiata a morte xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà me l'avevano sconsigliato un po' tutti! Ahahah però penso sia uno di quei libri da leggere se sei proprio in vena di qualcosa di simile :)

      Elimina
  3. Ho amato questo libro e non vedo l'ora che esca il seguito :) anche in America stanno aspettando, l'autrice doveva farlo uscire quest'anno ma a quanto pare è stato rimandato e la cosa mi dispiace, anche perchè più passa il tempo e più mi dimentico trama e personaggi (l'ho letto appena uscito, quindi diverso tempo fa).

    Se ti interessa, sul mio blog avevo anche scritto uno speciale sull'autrice: http://www.ilprofumodellepaginestampate.it/2014/05/riflettori-su-libba-bray.html purtroppo, a parte Una grande e terribile bellezza, gli altri romanzi non sono stati tradotti in italiano :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero di avere il sequel di questo in italiano perché la traduzione mi ha fatta impazzire. Penso abbia aiutato nel farmelo amare!! Vorrei leggere anche Una grande e terribile bellezza, anche se non avere gli altri non mi esalta granché :(

      Elimina
  4. Libba Bray, spero che tu faccia innamorare anche me!
    I presupposti ci sono tutti: Anni venti. New York e occultismo. Cosa chiedere di più?

    Bella recensione Isa ;)

    RispondiElimina
  5. Grazie, Claudia :) spero davvero ti faccia innamorare come ha fatto con me. L'occultismo mi ha così stregata che ne voglio ancora e ancora e ancora!

    RispondiElimina

Inserisci qua il tuo commento!